#èTempo di novità | 15

il veneto che vogliamo

Care tutte e cari tutti,

continuiamo ad aggiornarvi sulle novità riguardanti il futuro della città.
In primo luogo, avrete letto del #RotoMostro. Sul destino di Spinea la maggioranza prende decisioni nel chiuso delle stanze, senza confronto con le opposizioni, ma soprattutto senza raffrontarsi con i cittadini su un tema così importante; infatti, le modifiche in progetto stravolgono definitivamente il modo con cui la città stessa dovrà essere pensata.
Dopo gli annunci a mezza voce e mezzo stampa, per avere un minimo di chiarezza su quali fossero le reali idee su piazza Marconi, abbiamo dovuto ricorrere all’accesso agli atti per ottenere i progetti che ridefiniscono quella che dovrebbe essere la futura porta d’ingresso della città, per scoprire che sarà un circuito di Indianapolis proprio davanti all’asilo Ai Nostri Caduti e al sagrato della Chiesa.
Senza pubblicare alcun progetto, il sindaco mette le mani avanti dicendo che non è ancora quello definitivo, ma allora perché proprio solo su questa ipotesi ha costruito il quadro economico dell’opera pubblica di ben 600.000 euro approvandolo già nel bilancio a dicembre? E’ inutile girarci attorno: la sindaca è convinta di creare un luogo d’incontro nel bel mezzo di una rotonda dove transiteranno 18.000 mezzi al giorno!
In questo modo si rinuncia definitivamente a qualsiasi idea di piazza e luogo d’incontro. Non solo si tratta di un uso improprio del suolo, ma verrà anche messa una pietra tombale sull’idea di ridurre il traffico su via Roma.
Per tale motivo chiediamo al sindaco ed alla sua maggioranza di sospendere ogni valutazione in merito e di avviare un percorso di dibattito pubblico aperto a tutta la cittadinanza per confrontarsi sulle reali necessità e cogliere le idee e le proposte per un progetto condiviso in modo trasparente e partecipativo.
#EreditàChecchin
Sono finalmentepartiti i lavori, per quasi 100.000 €, per la sistemazione dell'oratorio diS.M. Assunta in Rossignago, nel corso degli anni della Giunta Checchin - grazie all'ex ass.ra Loredana Mainardi - contenitore di iniziative di assoluto livello e punto d'incontro per artisti nazionali e internazionali di grande prestigio. La rassegna estiva #SpineaSogna e il progetto #ParadisumTheatrum hanno trovato in questo luogo collocazione ideale per offrire alla Città di Spinea il meglio sul piano artistico e culturale, spaziando nei più svariati linguaggi.
La somma messa a bilancio ha permesso di predisporre l'impianto di riscaldamento e una nuova illuminazione a led compatibile con i preziosi affreschi, riorganizzare la parte esterna con l'installazione di nuovi servizi igienici e di uno spazio a magazzino, oltreché al rifacimento del vialetto d'accesso all'Oratorio con una nuova illuminazione e una piazzetta di benvenuto, come si vede nel progetto, al fine di rendere questo gioiello della nostra Città ancora più accogliente e sicuro.
Ci auguriamo che tutti i progetti messi in piedi vengano portati a termine dalla nuova Giunta perché pensiamo che la cultura sia un valore che appartiene alla nostra storia e che sia lo strumento necessario per restituire ai nostri cittadini, soprattutto a quelli più giovani, la speranza per un futuro e una qualità di vita migliore.
Con la sistemazione area di via Barzizza, poi è stato aperto il primo tratto dellaPista dei Parchi, il percorso ciclo pedonale lungo il Rio Cimetto, per una mobilità nel verde e lungo le vie d’acqua di Spinea. Speriamo che il progetto prosegua anche con la nuova amministrazione.
Sulla situazione dei rifiuti a Spinea auspichiamo un cambio di passo da parte della maggioranza e un impegno concreto quanto prima: non si può permettere che Spinea sia in queste condizioni e che i tempi di risposta siano così lunghi. Manca, da parte dell'amministrazione comunale, il costante controllo del territorio. Leggi qui cosa abbiamo detto: http://www.etempospinea.it/rifuti-spinea.html

Stiamo poi anche noi partecipando a “Il Veneto che vogliamo”, un percorso di ascolto, in tutto il territorio Veneto, partendo dai temi e non dai nomi o dalle identità, per creare un’alternativa a Zaia e alla Lega che da 20 anni gestiscono malamente il nostro territorio.
Abbiamo capito che in questo momento è veramente possibile rimettere al centro le grandi questioni della Regione, connettere e riconnettere le persone e le esperienze che hanno saputo individuare risposte concrete sul territorio. Per farlo, serve un progetto politico ampio, generoso, alternativo, concreto e reale, che metta al centro i contenuti e i temi da cui è necessario partire per una regione più equa, pulita, sana e innovativa.
Le elezioni regionali del 2020 aprono questa opportunità. Stiamo cominciando a costruirla, a partire da un appello frutto del percorso di ascolto, che abbiamo lanciato l'11 dicembre e ha già raccolto più di 2000 adesioni. L'appello è un punto di partenza: da qui iniziamo per scrivere insieme il programma. Eccolo: https://www.venetochevogliamo.it/progetto-politico/
Firmatelo e condividetelo!
Prossimi eventi:
sabato 29.02, mattina: gazebo di fronte al Municipio
venerdì 6.03, h. 19.30: Consiglio Comunale in Municipio
Un enorme ringraziamento a te, per continuare a leggere la nostra newsletter e a seguire ciò che succede in Città.
A presto,
è Tempo - Prospettiva Spinea